La Mindfulness, come approccio cognitivo di terza ondata, si è diffusa sia come Mindfulness-Based Cognitive Approach, sia come Mindfulness-Based Stress Reduction. L’autrice parte dalla propria esperienza personale di meditazione consapevole per esporre tutto ciò che conosce sull’argomento.

La pandemia che abbiamo attraversato ci ha spinti a riorganizzare la nostra vita, come è successo all’autrice e la mindfulness può essere un modo di aprirsi al proprio stato originario di presenza. Inizialmente, vengono esposti gli elementi essenziali della meditazione: prestare attenzione al momento presente, con un atteggiamento non giudicante può avere benefici antinfiammatori, sulle difese immunitarie, contro le malattie psicosomatiche. I pilastri della consapevolezza, secondo l’autrice, sono: non giudizio, pazienza, mente del principiante, fiducia, non cercare risultati, accettazione e capacità di lasciare andare; la Mindfulness ci porta “dal fare all’essere”, eliminando il potere che i nostri desideri hanno su di noi.

Nella seconda parte del libro vengono raccontate sette storie di persone che svelano cosa siano tali pilastri, con esercizi di meditazione consigliati. Il giudizio restringe la visione, perciò è fondamentale saperlo sospendere per evitare di soffermarci solo su alcuni particolari e non su altri; la pazienza è importante per saper prendere il proprio tempo; la mente aperta è pronta al nuovo e non teme gli errori né prova paura; coscienza significa essere realmente noi stessi, fidandoci di noi stessi; l’arte del non fare o della non azione rappresenta il principio paradossale dell’azione senza azione; infine, il lasciar andare è importante per smettere di combattere e smettere di trattenere ciò che non ci occorre.

La terza parte riporta le nuove applicazioni di questa tecnica, che sta diventando un “approccio filosofico consapevole alla vita”; vengono inoltre illustrati gli effetti della mindfulness su relazioni affettive, lavoro, salute, rapporto col proprio corpo e col cibo.

Il Covid-19 ci ha dimostrato come gli eventi della vita non siano controllabili; agire sul nostro modo di affrontarli può arginare la sofferenza e aumentare la pace interiore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.